lamponi

 
Lamponi
inaccessibili tra i rovi
osservano osservo osservarmi
– la mia fame –
 
* Carla Bariffi
 
 

Oggi è uno di quei giorni in cui le acque scorrono piane, lente, dolci, affatto abbondanti.

Non come le gocce singhiozzanti di un rubinetto chiuso male, no, somigliano più un  ruscello di montagna gorgogliante all’ombra dei pini  fra muschi e mirtilli, dove  i minuscoli animaletti del bosco vi si possono abbeverare, ma anche le mucche, i cervi, gli asini e le capre.

Per questo oggi ho fotografato i lamponi, dopo averli colti dai cespugli la mattina presto.

Sono un po’ sciocche queste mie foto che scatto dopo aver messo assieme poche povere cose – i lamponi sul retro del piatto del cous-cous rovesciato, sopra un tessuto di cotone blu, all’ombra del cespuglio delle rose. Le cose cambiano, non sembrano più le stesse cose. Come ogni cosa non è – ai nostri occhi – quello che è ma solo quello che appare.

Sarà per questo che non trovo più molte parole. Le ha prese Elio qualche giorno fa – tutte quelle superflue – le ha messe insieme in un manifesto di parole crociate, come parole che si incrociano fra loro senza molto senso.

Sarà per questo che sto pensando che dovrò imparare a farne a meno, seguire docilmente questo abbandono. Almeno per qualche tempo.

Per questo oggi ho fotografato i lamponi.

 

 
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in cibo, luna, poesia. Contrassegna il permalink.

12 risposte a lamponi

  1. md ha detto:

    adoro i lamponi, mentre questa mattina ho raccolto le more nel bosco, per dare più colore e sapore alla mia macedonia un po’ troppo dominata dal giallo – povere cose, umbratili ed apparenti, che però son anch’esse forma e sostanza…

    Mi piace

  2. rozmilla ha detto:

    e pensa se bastasse premere il tasto invio per farteli arrivare lì in tutta la loro sostanza e colore .. anche se la maniera migliore è sempre quella che va direttamente dalla mano alla bocca, senza nemmeno passare dal piatto ..

    Una curiosità, Mario: so che non dovrei metter becco, ma, secondo te quanto andrà per le lunghe la storia con la sostanza apparente del sig. Russo? caspita, ti ha proprio preso di mira .. io al tuo posto l’avrei strozzato, parola di rozmilla 😉
    Forse ha smesso, ma nel caso continuasse, per esempio provare a a parlargli del .. sabato nel villaggio, odo i bambini far festa … o a chiedergli quali poesie gli piacciono? Io ci proverei a fare quest’esperimento ..almeno qualche battuta per vedere come reagisce. Potrebbe essere un’esperimento interessante ..

    Mi piace

  3. bortocal ha detto:

    ieri avevo pensato di scriverti, – a proposto del non trovo più molte parole – che fiorse quando più persone contemporaneamente provano questa sensazione è segno di qualcosa nell’airia.

    poi ieri sera ho letto invece un post corposo e denso, e mi sono detto: per fortuna rozmilla sta suoperando la crisi più in fretta di me; ma ero; di ritorno da una lunga cena con amici non era il momento giusto per dedicarvicisi e ho rinviato una lettura attenta a stamattina.

    il link c’è ancora, ma il post è sparito.

    lascio il discorso in sospeso: completalo tu.e, se ti va, rispondimi 🙂

    Mi piace

  4. rozmilla ha detto:

    era un articolo che avevo già scritto settimana scorsa, e ieri sera l’ho pubblicato per sbaglio invece di salvarlo nelle bozze. il fatto è che non mi pare un articolo molto adatto alla stagione estiva e vacanziera – l’aria è questa. per questo non ho ancora deciso di pubblicarlo. però mi ero accorta che qualcuno, a quanto pare eri tu, lo aveva già aperto. eh, eh, se lo salvavi con nome, o facevi il copia-incolla, adesso potresti leggerlo, e invece mi sa che dovrai aspettare .. non so quando 😀
    forse domani o dopo?
    opss! ho provato a pubblicarlo per qualche ora, ma poi ci ho ripensato di nuovo. come dicevi anche tu, solo gli stupidi non non cambiano mai idea.
    quindi lo terrò in serbo per il prossimo autunno, fine ottobre/primi novembre..

    Mi piace

  5. Carla ha detto:

    di questi tempi vanno forte anche i mirtilli.
    ciao Milena, che bello il tuo blog!

    Mi piace

  6. rozmilla ha detto:

    grazie Carla, sono lieta di accoglierti in questo spazio virtuale..
    E non sai come mi piacerebbe raccogliere i mirtilli.. in montagna tra i boschi – anche per cambiare un po’, che i lamponi, quest’anno particolarmente generosi, non so più come usarli e dove metterli.
    ciao, e a presto!

    Mi piace

  7. Carla ha detto:

    grazie a te,
    avevo scritto una poesiola sui lamponi…
    te la porterò 🙂

    Mi piace

  8. rozmilla ha detto:

    ti aspetto, Carla, e se trovi la poesia sui lamponi la inserirò nel post.
    Vorrei poterti offrire un cestino di lamponi, ma in questa realtà virtuale posso offrirti soltanto la foto, che purtroppo è anche un po’ sfocata.
    Però hai visto come stanno bene assiemi i colori dei nostri avatar? violetto e verde chiaro, sono colori deliziosi ..
    A proposito di colori, quest’estate avrei intenzione di leggere la “teoria dei colori” di Goethe, se riesco a trovarla, se biblioteche e librerie non sono già in ferie.
    ciao e a presto

    Mi piace

  9. carla ha detto:

    Lamponi
    inaccessibili tra i rovi
    osservano osservo osservarmi
    – la mia fame –

    * * *
    i colori si sposano bene, sono entrambi freddi 🙂

    Mi piace

  10. rozmilla ha detto:

    bella la poesia, Carla! è un haiku, o meglio è un meiku – come direbbe Mario.
    Ora il post è molto più bello, più completo. Sentivo che mancava qualcosa. Grazie!
    ***
    I cespugli coltivati però non sono inaccessibili, sai, e ho anche imparato a raccoglierli senza farmi graffiare. Il lavoro più grosso è all’inizio della primavera, quando li ripulisco dai rami vecchi, e dopo non c’è altro da fare che raccoglierli per tutta l’estate. Più che altro i furbetti si nascondono benissimo tra le foglie, così che quando li raccolgo devo girare attorno ai cespugli cambiando sempre posizione per adocchiarli uno a uno ..ma ce n’è sempre qualcuno che sfugge.
    ***
    Ti ringrazio ancora per la poesia e per tutto.
    Un tenero saluto.. e a presto

    Mi piace

  11. Carla ha detto:

    ma quand’è che torni…?

    Mi piace

  12. I’ll take some of your suggestions and try apply them

    Mi piace

I commenti sono chiusi.