rosa

l’ultima rosa nel mio giardino, questa mattina, all’ombra del gelsomino

“Non possiamo riferire al tempo dell’essere
in generale ciò che sembra vero del tempo
di una rosa.”
(Vladimir Jankélévitch)
 
 
Questa voce è stata pubblicata in bellezza, fragilità, giardino, Jankélévitch, silenzio, tenerezza e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a rosa

  1. carla ha detto:

    Dio, com’è bella…toglie il fiato.

    Mi piace

  2. Francesco ha detto:

    Uno dei rari casi in cui l’ideale e il reale coincidono..

    Mi piace

I commenti sono chiusi.