il pettirosso

 

 

sul davanzale
a mangiar le briciole
il pettirosso

 

 

Il minuscolo singhiozzo cosmico di oggi, in verità è datato 21 dicembre 2009 – emerso dalla turbinosa nevicata di quel giorno. Non so se qualcuno se la ricorda, è stata la più abbondante di questi ultimi anni.
Il singhiozzo cosmico, invece, è quello che oggi non mi riesce nemmeno, se non pensarlo.
Alcuni pettirossi hanno sorvolato sul davanzale nel primo pomeriggio, quasi sbattendo sui vetri e senza nemmeno fermarsi. Allora ho messo fuori le briciole sui vassoi, ma non li ho visti tornare. Non so dove siano andati a ripararsi, se ce la faranno. Ma non penso soltanto ai pettirossi, è chiaro.

 

ATTENZIONE: “le briciole di pane non sono il cibo più adatto il cibo adatto per  gli uccelli. Infatti, soprattutto quando fa molto freddo,  una volta nel gozzo dell’uccello, il pane richiama acqua per essere inumidito e digerito, così che si forma un blocco di pane bagnato che a sua volta richiama calore per raggiungere la temperatura corporea, e con questo freddo l’uccellino finisce per morire di freddo perchè non riesce a scaldare il corpo e il pane freddo e umido. 
Se volete aiutarli fornitegli semi interi che non richiamano acqua nel gozzo. E se c’è la neve  mettete il cibo su piattini e vassoi, ma non alla portata dei gatti.”

Questa è una notizia che si è diffusa oggi sulla rete. Non so quanto sia esatta, ma mi pare sensata. Inoltre, siccome so  che anche in condizioni normali non si dovrebbe dare pane, soprattutto pane bianco, agli uccelli, anatre e simili, nei giorni scorsi nei vassoi mettevo semi di zucca e girasole, frantumati nel mortaio – visto che i pettirossi sono piccoli e non potrebbero ingoiare semi grandi interi.

Quindi ho fatto una piccola ricerca e ho letto che cibo  migliore per gli uccelli sono i semi oleosi, di girasole col guscio, e i cereali: mais, miglio, fiochi di avena. Ma, anche arachidi, mele, arance, uvette ammolate in acqua, frutti di bosco; e persino briciole di torta e di biscotti, formaggio grattugiato, avanzi di patata cotta con la buccia, ecc.. Mentre il pane, oltre a provocare i danni che ho già detto, non è sufficientemente nutriente.

Ci sono 2 link interessanti (in inglese) sul tema: http://www.telegraph.co.uk/new…,

http://www.nhoutdoors.com/bird…

Comunque, ho visto  che i merli e pettirossi  che bazzicano qui attorno stanno abbastanza bene; e poiché da queste parti la neve in molti punti si è già sciolta, soprattutto vicino alle case, li vedo già scavare nella terra in cerca di vermi belli grassi. Inoltre l’intero orto, compresa  la letamaia, sono riserve di cibo non solo per gli uccelli, ma per molti altri piccoli animali. Devo dire che, stranamente, durante l’ultimo giro che ho fatto nelle brughiere non ho incontrato uccelli, e  immagino che con il grande freddo e la neve si siano avvicinati alle case.

 

 

Galleria | Questa voce è stata pubblicata in animali, haiku, inverno, natura e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a il pettirosso

  1. roberto ha detto:

    Non sara’, per caso, che i pettirossi siano insettivori? Cmq. mi hai ricordarto che i passerotti anche qui intorno se la passano male. Sono andato a buttare delle briciole sulla neve.
    _r_

    Mi piace

    • rozmilla ha detto:

      può darsi, Roby… però quando la neve copre tutto, mangiano anche le briciole e si adattano, te l’assicuro.. questa mattina qualcuno è arrivato, e c’era anche un merlo messo proprio male, poi è sparito.
      però, non buttare le briciole “sulla” neve, perchè gli uccellini sprofondano nella neve. devi metterle su qualche pezzo di carta nei punti riparati vicino casa, e di solito quando ci sono i bambini queste cose le fanno loro 🙂
      un caro saluto a te,

      e un caro saluto anche a Mario e RobertoMeister, che hanno gardito il post minuscolo …
      ciao a tutti
      milena

      Mi piace

  2. carla ha detto:

    ciao piccolino! 🙂

    Mi piace

  3. rozmilla ha detto:

    non è tenerissimo? 🙂

    (la foto non è mia, non ho l’attrezzatura per fare foto così, ci vorrebbe il teleobbiettivo, perchè appena ti avvicini scappano. però ieri ne ho fatta qualcuna da dietro i vetri di casa, e appena posso inserisco la meno peggio)
    ciao Carla ❤

    Mi piace

  4. carla ha detto:

    bellissima, l’hai scattata mentre nevicava..?
    tenerissimo…
    buon week end di buianco vestito, cara Milena 🙂

    Mi piace

  5. mpy ha detto:

    già… mamma.. me lo ricordo bene quel maledetto 21 dicembre 2009… ero da appena due mesi “pendolare” Busto A. – Milano …. un tale freddo… ritardi dei treni.. ma la cosa peggiore fu scoprire che le mie scelte erano tutte sbagliate… e al ritorno da Milano.. in casa (sai bene chi c’era a “non ” aspettarmi) non c’era di certo un amico…
    Cmq si … può anche darsi che quei pettirossi ce l’hanno fatta a trovare riparo, no?

    Mi piace

I commenti sono chiusi.