fine d’anno

*

*

ejeore

*

 

 

 

 

 

 

 

 

*

*

 

Né la minuzia simbolica
di sostituire un tre con un due
né quella metafora inutile
che convoca un attimo che muore e un altro che sorge
né il compimento di un processo astronomico
sconcertano e scavano
l’altopiano di questa notte
e ci obbligano ad attendere
i dodici e irreparabili rintocchi.
La causa vera
è il sospetto generale e confuso
dell’enigma del Tempo;
è lo stupore davanti al miracolo
che malgrado gli infiniti azzardi,
che malgrado siamo
le gocce del fiume di Eraclito,
perduri qualcosa in noi:
immobile.

*

Jorge Luis Borges

*

Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Borges, poesia, tempo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.