questione di etichetta

maurizio cattelan - praying-hitler
«Nel gennaio del 1943, un gruppo di ufficiali tedeschi a Smolensk, dove si trovavano i quartier generali del gruppo d'armate, progettò di uccidere Hitler durante la sua prossima visita; l'idea era che, durante un pasto nella mensa, due dozzine di ufficiali impugnassero simultaneamente le loro pistole e gli sparassero, rendendo in questo modo la responsabilità collettiva e assicurandosi che le guardie del corpo di Hitler non fossero in grado di impedire che almeno alcune delle pallottole raggiungessero il loro obiettivo. Sfortunatamente, von Kluge (comandante del gruppo d'armate Centro sul fronte russo) pose il veto a questo piano, per quanto fosse antinazista e volesse la morte di Hitler. La sua motivazione era che in base ai principi del Corpo ufficiali tedesco, “non è decoroso sparare a un uomo durante il pranzo” » [Slavoj Zizek, In difesa delle cause perse, Ponte alle Grazie, p. 30]

 

*

Immagine | Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.