parresía – παρρησία

.

«Nei corsi del 1984 al Collège de France (Il coraggio della verità), Foucault sottolinea il legame tra il «dire la verità» e la democrazia, ricordando l’importanza della parresía, la «franchezza» per gli uomini politici dell’Atene democratica. La pratica della democrazia, spiega Foucault, richiede tra fattori: la possibilità di tutti di prendere la parola; l’«ascendente» che alcuni, i rappresentanti del popolo hanno sui cittadini; la «verità», come ragione primaria dell’«ascendente» politico. Il diritto di avere una voce speciale nel contesto democratico, in altri termini, deriverebbe direttamente dalla parresía, la capacità di dire e far intendere il vero. La democrazia degenera quando emergono i falsificatori-simulatori di verità. Il «cattivo parresiasta» allora non dice la verità, ma «dice qualcosa che rappresenta l’opinione corrente», quella della maggioranza, egli è l’opportunista senza coraggio: «gli interessa solo garantire la propria sicurezza e il proprio successo». [Franca D’agostini, Menzogna, pag. 45, Bollati Boringhieri 2012]

Galleria | Questa voce è stata pubblicata in democrazia, filosofia, verità e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

avete pensieri da condividere?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...