di palo in frasca

Avevo iniziato a mettere insieme un post prima di partire per le vacanze, quando fuori casa c’erano circa quaranta gradi percepiti e me ne stavo rintanata quasi al buio con acceso l’odioso trabiccolo dell’aria condizionata. Rumoroso, soprattutto, per il resto faceva il suo dovere.  Negli ultimi giorni non riuscivo nemmeno a mettere fuori il naso, e preparare le valigie e chiudere casa è stata impresa sovrumana. Dove erano finite tutte le cose del mare? In quale anfratto le avevo riposte l’anno prima? O sparpagliate?
Avanti indietro e su e giù, a metà strada avevo già dimenticato cosa stavo andando a cercare; e dico proprio cercare, come se si trattasse della ricerca del Santo Graal. Allora tornavo al punto di partenza per vedere se c’era un indizio che me l’avrebbe fatto ricordare; mentre più che altro tornava l’eco del ritornello che ogni tanto mi ripete Riccardo: Mamma, ti verrà l’Alzheimer. Caspiterina. Alla fine avevo i piedi rossi e gonfi come salami e un callo ringalluzzito per l’occasione. Comunque ce l’ho fatta, anche se arrivata qui c’era ancora un caldo insopportabile, e senza aria condizionata.
Da qualche giorno la situazione è del tutto cambiata, questa mattina alle otto c’erano venti gradi sul balcone, e finalmente cielo celeste limpido sole brillante e vento sui dieci nodi. Refrigerante al punto da non riuscire a stare all’ombra senza gelare un pochino, fino a mezzogiorno suppergiù. Quindi nel pomeriggio me ne sto in casa e riprendo da dove mi ero interrotta, mi dico, anche perché in ogni caso nel pomeriggio non esco mai sotto il solleone. E poi il mare è troppo mosso e non mi arrischio ad andare a nuotare, aspetterò fin quando non si sarà calmato.  Prima di partire stavo scrivendo un’introduzione. Perciò questa, fin qui, è l’introduzione all’introduzione. E forse domani scriverò l’introduzione all’introduzione dell’introduzione – è facile, che farò così, se continua questo vento che mi porta altrove i pensieri, lontano. Si dice ‘saltare di palo in frasca’, bellissima espressione che forse deriva da quando saltavamo tra gli alberi come le scimmie, o con le scimmie. Nostre sorelle scimmie.
E in effetti dubito che, se anche l’argomento fosse stato importante, riprenderò da lì, ora. Che vacanza sarebbe, perdio! No, no, cambierò i miei programmi. Più che altro, credo che adattarsi sia sempre la cosa più intelligente da fare.
Quindi ora esco, vado a prendermi il tabacco e poi ci risentiamo.
Ecco, sono tornata. Ho fatto una volata in bicicletta e poi a piedi, perché a tratti è pedonale, vietato anche alle bici.
Quindi esco di nuovo, vado a vedere se si è calmato. Domani, chi lo sa?
Fuori è bellissimo, con questo vento e questa luce dappertutto. Tutte le cose che si stagliano nitide, le immagini che si muovono vorticosamente nel vento, come fossero sospinte, incalzate ad andare veloci prima che il sole tramonti. Finirà anche questa bella giornata. Il mio cuore è lieto, la mia mente leggera.

 

Sulla ringhiera si è posata una tortorella: é il suo punto d’osservazione preferito, dacché ha fatto il nido nel cuore della piccola palma qui a sinistra, e anche quando mi avvicino non fugge via. Non ha paura.

 

Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a di palo in frasca

  1. Francesco ha detto:

    Ciao roz,
    finalmente un nuovo post. Semplice, leggero. Non uno dei tuoi frequenti post profondi, articolati, spessi, densi, ma un post leggero. Come il vento, come il cielo, come la brezza mattutina. Perché la vita è anche questa, per fortuna verrebbe da dire, date le orrendi cose che siamo costretti a subire pressoché quotidianamente da tutte le variegate fonti di informazione della cosiddetta era moderna.
    Grazie!

    Mi piace

avete pensieri da condividere?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...