Archivi categoria: pensieri

filosofando

Questa galleria contiene 2 immagini.

«La filosofia mi ha insegnato a dipendere piuttosto dalla mia coscienza che dai giudizi altrui e di pensare sempre, non tanto a non essere giudicato male, quanto a non dire o a fare male io stesso».
[G. Pico della Mirandola, “Discorso sulla dignità dell’uomo”]
Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , ,

la sciarpa, il bicchiere, il vasetto, il fiore

Questa galleria contiene 2 immagini.

Tutti noi facciamo distinzioni e classificazioni di continuo. Il linguaggio, insieme alla logica, è lo strumento per definire, distinguere, separare le cose le une dalle altre. A livello elementare serve per non fare confusione: per mettersi d’accordo che se una cosa è nera, è pressapoco nera; se è bianca, è bianca – più o meno. Che se è una tazza non è un bicchiere e se è carne non è pesce e via dicendo. E che nessuna cosa può essere identica al suo contrario; e a meno di voler sfidare il principio di non-contraddizione non potremmo scendere una scala per andare verso l’alto, o accendere un fuoco per fare il ghiaccio. In poesia forse è concesso, nella realtà sarebbe da verificare.
Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

zenzitudine

Questa galleria contiene 1 immagine.

Una volta mi narrarono di un monastero zen in cui faceva parte della pratica quotidiana prendersi in giro: se uno si offendeva, doveva fare un regalo a chi, sfottendolo, aveva beccato un suo punto debole. Se da un lato non si può pretendere che tutti si impegnino sulla strada della perfetta zenzitudine, dall’altro …
Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato | 4 commenti

il giorno dopo

Questa galleria contiene 5 immagini.

In tutti gli eventi di questo tipo il denominatore comune è l’odio – lo sappiamo: l’odio razionalizzato. Vale a dire che a partire da un qualche, magari anche legittimo, sentimento di odio e rancore, qualcuno costruisce un sistema “razionale” che riesce a giustificare la violenza estrema. Sempre che sia una razionalizzazione, e non sia un semplice istinto distruttivo che prevarica ogni razionalizzazione. A quel punto però gli estremi si congiungono, non esistono più distinzioni interne, ma solo esterne, fra “noi e loro”.
Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , ,

nient’altro e di più

Questa galleria contiene 6 immagini.

«Un corpo è la sua propria scossa, il suo spasmo: altro non è che un soprassalto in più in una stretta tra due corpi, che diviene corpo del “tra” che apre un nuovo spazio, un nuovo fuori-di-sé agli altri e innanzitutto di sé a se stesso, nient’altro che uno scarto in più, nient’altro che un ulteriore estraniamento tra tutti i corpi, tutti gettati come estranei al mondo e a se stessi, moltitudine febbrile e riverbero delle nostre polveri».
Jean-Luc Nancy, Il corpo dell’arte.

Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , ,

minima animalia

Questa galleria contiene 3 immagini.

Credo ch’io potrei vivere tra gli animali,
che sono così placidi e pieni di decoro.
Io li ho osservati tante volte e a lungo;
Non s’affannano, non gemono sulle loro condizioni,
Non stanno svegli al buio per piangere sopra i
loro peccati,
Non s’indignano discutendo i loro doveri verso Dio,
Nessuno è insoddisfatto, nessuno ha la mania
infausta di possedere cose,
Nessuno si inginocchia innanzi all’altro, né ai suoi
simili vissuti migliaia di anni fa,
Nessuno è rispettabile tra loro, od infelice,
sulla terra intiera.
[Walt Whitman] Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , | 2 commenti

tutto sembra senza limite

Questa galleria contiene 1 immagine.

* * «Poiché non sappiamo quando moriremo si è portati a credere che la vita sia un pozzo inesauribile, però tutto accade solo un certo numero di volte, un numero minimo di volte. Quante volte vi ricorderete di un certo … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , ,