Archivi categoria: sogni

Il sogno in solitaria e la matrice sociale del sogno

Questa galleria contiene 1 immagine.

Originally posted on quelcherestadelmondo/approdi:
Il Sogno in solitaria In Occidente non siamo più abituati a pensare il sogno come matrice generatrice di narrazioni e pensieri e tanto meno ‘matrice’ psico-sociale. Il sogno è stato inizialmente pensato dalla psicoanalisi come una confusa produzione di natura…

Galleria | Contrassegnato

minimum rêves

Questa galleria contiene 4 immagini.

“Il sogno è la piccola porta occulta che conduce alla parte più nascosta e intima dell’anima, aperta sulla originaria notte cosmica che era anima assai prima che esistesse una coscienza dell’io.” (Jung, La realtà dell’anima)

Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato | 8 commenti

posidonia – Ποσειδώνας

Questa galleria contiene 1 immagine.

” .. partecipo ancora alle delizie del nuotatore carezzato dall’acqua. (..) Ho creduto, e nei miei momenti migliori lo credo ancora, che in tal modo si potrebbe partecipare all’esistenza di tutti; e questa simpatia essere uno degli aspetti meno revocabili dell’immortalità…” Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , | 3 commenti

come d’abitudine

Questa galleria contiene 1 immagine.

Sovente …
negli incerti pomeriggi estivi, quando i bambini del mio rione erano sulla strada a giocare i loro giochi un po’ violenti dai quali non mi dispiaceva sentirmi esclusa, mi ritiravo nel salotto buono, sempre in penombra con le finestre appena accostate e le tende che si sollevavano leggere ad ogni soffio di vento. Lì trascorrevo ore con un grosso tomo di geografia sulle ginocchia. Interminabili ore, sfogliando quelle pagine ricche delle immagini più varie dal mondo, sfogliando e sognando, soffermandomi ogni volta sul risvolto di copertina costellato di figure umane che indossavano i più vari e variopinti costumi – piccole figure fluttuanti s’uno sfondo verde bottiglia.
Continua a leggere

Galleria

Il filo

Questa galleria contiene 2 immagini.

Durante la mia ultima immersione in mare ho scorto un filo sospeso, abbandonato forse da qualche pescatore. Di nylon resistente tagliava l’acqua in due ondeggiando nella massa liquida. L’ho afferrato e ho tirato, volevo trovare la cima. Ma mentre nuotavo e tiravo il filo mi si è avviticchiato attorno al braccio almeno di due tre giri. Terribile sensazione, sentirsi legati. Io volevo afferrare il filo e invece il filo aveva afferrato me. Continua a leggere

Galleria